EDITORIALE

La risposta di Orazio Valsecchi, Coordinatore Scientifico Club Radiale

RADIAL AND TOP NEWS

Obiettivi: valutare se i benefici dell’accesso transradiale (RA) siano controbilanciati da un incremento di complicanze vascolari (VASC) nella popolazione sottoposta ad accesso transfemorale (FA).
Background: il recente...

Obiettivo: valutare gli effetti dell’uso del cangrelor in rapporto al tipo di accesso vascolare (femorale vs radiale) nell’angioplastica coronarica PCI.
Metodi e risultati: 11145 pazienti sono stati randomizzati (in doppio...

BACKGROUND: l’FFR stimata utilizzando l’angioTAC coronarica può migliorare la valutazione dei pazienti con dolore toracico.
OBIETTIVI: gli autori hanno indagato gli effetti sui costi e sulla qualità della vita...

Obiettivo: Valutare l’effetto di riduzione della dose di radiazioni di un nuovo presidio anti-X per l'accesso radiale combinato con un telo schermante.
Background: L’accesso transradiale per il cateterismo ha dimostrato...

Obiettivi: Lo studio ha avuto come scopo quello di confrontare l’uso e i risultati dell’accesso transradiale vs femorale nei pazienti sottoposti ad angioplastica (PCI) in corso di infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto...

Background: La biopsia endomiocardica del ventricolo sinistro rappresenta una parte essenziale dell’algoritmo diagnostico nei pazienti con scompenso cardiaco di origine sconosciuta, ma abitualmente essa viene eseguita per via...

Vedi la lista completa

SCIENTIFIC NEWS

Maggio 2016

Estensione dell’infarto miocardico nei pazienti in terapia a lungo termine con statine sottoposti ad angioplastica percutanea per STEMI

Marenzi G et al. Am J Cardiol, 2015; 116(12):1791-1797

Questo studio prospettico condotto su 230 pazienti con STEMI suggerisce che la terapia con statine a lungo termine prima dell’angioplastica primaria è associata ad una minore estensione dell’area infartuata e ad un maggior indice di sopravvivenza del miocardio. 

Maggio 2016

MitraClip e sopravvivenza nei pazienti con insufficienza mitralica ad alto rischio chirurgico

Velazquez EJ et al. Am Heart J. 2015; 170(5):1050-1059.e3

Questo studio di confronto condotto su più di 900 pazienti con insufficienza mitralica ad alto rischio chirurgico, supporta la sicurezza e dimostra un vantaggio di sopravvivenza della MitraClip rispetto alla terapia medica, sia a trenta giorni che a dodici mesi.

Maggio 2016

Sicurezza ed efficacia dello stent retrievers nella gestione dell’ictus ischemico. Metanalisi

Marmagkiolis K et al. J Am Coll Cariol Intv, 2015; 8(13):1758-1765

La metanalisi condotta su cinque studi randomizzati ha dimostrato, nell’ambito dell’ictus ischemico, la maggior efficacia, in termini di risultati funzionali e sicurezza, del trattamento endovascolare con stent retriever rispetto alla terapia convenzionale; sembra esserci inoltre una tendenza verso una complessiva riduzione della mortalità a 90 giorni.

Maggio 2016

Efficacia nel tempo del trattamento delle lesioni femoro-poplitee con utilizzo di un pallone medicato. Risultati a 24 mesi dello studio IN.PACT SFA

Laird JR et al. J Am Coll Cardiol, 2015;66(21):2329-2338

I risultati di 24 mesi dello studio dimostrano un effetto più duraturo e superiore sulle lesioni femoro-poplitee dell’angioplastica con pallone medicato rispetto ad angioplastica convenzionale, in termini di pervietà, indice di rivascolarizzazione, con simile miglioramento dello stato funzionale in associazione ad un minor numero di re-interventi.

Vedi la lista completa